MAKE THE FACE
Concorso web per un nuovo prospetto della basilica di San Lorenzo a Firenze

Logo
    L'iniziativa del concorso parte dall'ipotesi di realizzare una nuova facciata per la brunelle- schiana basilica di San Loren- zo a Firenze, ispirandosi ad un progetto di Michelangelo.
    La chiesa ebbe però già una monumentale facciata, anche se temporanea, nel 1515, ad opera del celebre architetto Jacopo Sansovino.
    L'intenzione sarebbe quindi di reinterpretare la scenografia rinascimentale allestita per la basilica, invitando tutti a partecipare con le proprie idee.
    Hai una tua proposta, un disegno o un vero e proprio progetto per San Lorenzo?
   Questo concorso è per te!

    Può essere presentata alla selezione qualunque elaborazione originale relativa alla nuova facciata della basilica: non ci sono vincoli all'espressione creativa ed ogni artista può scegliere la modalità che gli è più congeniale.
    Il Blog è il punto d'informazione e confronto per seguire le attivitࠤel concorso e commentare i lavori dei partecipanti, che saranno via via presentati su questa pagina.
    L'iniziativa è senza scopo di lucro: il montepremi è costituito dai ricavi della griglia di Pixel Ads sottostante e si potrà incrementare man mano grazie ai sostenitori.
    Chiunque può contribuire al premio acquisendo dei quadretti di pixel e pubblicando il proprio annuncio: potete fare una prova gratis per 30 giorni e poi, se volete, donare per sostenere l'arte.

    Per visionare tutte le opere in concorso, votarle e comunicare direttamente con gli autori, basta andare sul nostro social network Cosmo Sustart ed iscriversi al Gruppo Make the Face.
    Intervenite numerosi, spargete la voce e ditelo ai vostri amici: sar࠵n modo divertente di fare cultura.
    Sì perché la cultura ha bisogno di voi, delle vostre idee e della vostra opinione.
    Il vostro contributo è indispensabile per trovare i nuovi Michelangelo e incoraggiarli ad emergere.
    Forse voi stessi siete tra questi... Magari lo sospettate già ma avete bisogno di una prova: ecco una grande occasione!
    Dunque, partecipate, commentate e votate!
Logo
LA BASILICA DI SAN LORENZO
Un capolavoro compiuto e non finito

Logo
    Di origini paleocristiane, la chiesa divenne una pietra miliare del Rinascimento ad opera di Filippo Brunelleschi.
    Il geniale architetto realizzò un'innovativa struttura basata sui principi razionali del pen- siero umanistico emergente, frutto di lunghi studi sui modelli classici e sull'applicazione di precisi criteri matematici.
    Nell'edificio, archi a tutto sesto si ripetono con regolarità modulare in diverse proporzioni, definendo uno spazio rigoroso, leggero ed al contempo grandioso.
    L'essenzialità decorativa tipica dello stile di Brunelleschi (che non apprezzò, ad esempio, le vistose opere di Donatello per la Sagrestia Vecchia) fa risaltare gli elementi strutturali, definiti dal colore grigio-verde della pietra serena, nella suggestiva nudità dell'intonaco bianco.
    Il luminoso interno della basilica dà quindi complessivamente un senso di austera magnificenza e perfezione, lasciandone emergere il valore assoluto, non solo artistico, ma anche scientifico.
    Rimane però incompiuta la facciata, che si presenta, oggi come 600 anni fa, come un muro uniforme in pietra grezza su cui si aprono i tre ingressi e si delinea un grande finestrone centrale.
    Come copertura temporanea, durante una visita papale, nel '500 fu realizzato da Sansovino e Del Sarto un apparato effimero, con statue e pitture.
    Per il progetto definitivo in pietra venne quindi scelto Michelangelo, che propose varie soluzioni, fino allo splendido modello ligneo custodito oggi a Casa Buonarroti.
    Molti però sono stati i progetti che si sono succeduti, fino al secolo scorso, tutti mai realizzati, come se la mano del genio brunelleschiano si opponesse al completamento di questo straordinario non finito.
    Che prospetto aveva in mente Brunelleschi per San Lorenzo?
    Sicuramente non quello michelangiolesco, che si presenta ad architravi e non ad archi, prevedendo un trionfo di sculture che ne avrebbe fatto un capolavoro meraviglioso, certo, ma a sé stante.
    Probabilmente la facciata della basilica avrebbe riproposto l'essenzialità dell'interno, definendo le linee compositive senza troppo concedere all'apparato decorativo, ma il mistero rimane.
    E lascia spazio alla fantasia: voi, come la fareste?
   


L'Architetto

    Filippo di ser Brunellesco Lapi (Firenze, 1377 - 1446) è una delle principali figure del Rinascimento, inventore della prospettiva unicentrica, con la quale rivoluziona il concetto di tridimensionalità dello spazio nell'arte.
    Eccellente scultore, si rivela però uno dei più grandi geni della storia dell'architettura, con una serie di opere straordinarie, che culminano nella realizzazione dell'immensa cupola di Santa Maria del Fiore.
    Lo studio rigoroso dei moduli costruttivi, mediati dal mondo antico alla luce delle ultime conquiste tecnologiche, e l'ingegnerizzazione di ogni fase progettuale, con l'organizzazione minuziosa perfino dei cantieri, gli permettono infatti di superare difficoltà ritenute insormontabili al tempo, gettando le basi dell'edilizia moderna.